Alto Adige Pinot Noir Schweizer 2012 Franz Haas

Franz Haas
0,75 Litri

33,00

Esaurito

denominazione

agricoltura

nazione

regione

vitigni

annata

gradazione

Descrizione

Franz Haas, viticoltori da 7 generazioni..
Da sempre l’azienda Franz Haas lavora per esprimere al meglio la qualità dei vini che produce. Nasce nel 1880 e viene tramandata fino ad oggi sempre ad un Franz Haas.
Vengono lavorati circa 55 ettari vitati, suddivisi tra proprietà, affitti e conferenti.
Franz Haas è riconosciuto da sempre come grande appassionato e cultore del vitigno più ostico, più sensibile, più appagante: il Pinot Noir.
Malgrado tutta l’attenzione, l’impegno, la fatica, non sempre il prodotto è all’altezza delle sue origini, e quindi la nostra selezione, lo “Schweizer”, non sempre viene immesso sul mercato.
Altro dettaglio che distingue Franz Haas, è il collegamento con l’artista Riccardo Schweizer, che collaboró anche con Picasso, Chagall, Cocteau, Paul Éluard e Le Corbusier e realizzò le etichette dei vini, che furono donate da Maria Luisa Manna a Franz, come buon auspicio per l’uscita dei suoi vini.
La prima etichetta scelta da Franz, fu quella attuale del Pinot Noir Schweizer, prima annata ’87 ma uscita nel 90.
Ventun’ anni fa venivano usate etichette molto più tradizionali e semplici, uscire allora con un’etichetta nera ed oro, per quanto semplice poteva essere, fu sicuramente d’impatto.
Pinot noir, o lo ami o lo odi. Il bianco tra i rossi… Il vitigno più difficile da domare, come addolcire e rendere elegante un cavallo selvaggio e non sempre ci si riesce…
Per questo, nonostante vengano selezionati i vigneti migliori, in alcune annate non viene prodotto.
E comunque il Pinot noir non sarà mai un vino per tutti, solamente per coloro che vivono di intense emozioni.

Rosso rubino tenue, con complessi profumi di frutta dall’inevitabile colore rosso: frutti di bosco e ciliegie, ai quali seguono terziari come cuoio e pepe. In bocca le promesse al naso vengono mantenute, anzi amplificate e la sottile trama tannica emerge per gentilezza ed eleganza.

Un sera nell’autunno del  2006, un amico portò a casa mia due bottiglie per adeguatamente accompagnare la tartara di spalla di Fassona, e dei beccaccini alla maniera della Carmen che andavo preparando. Le bottiglie erano Chambolle-Musigny 1er cru Les Charmes 2001, non ricordo il produttore, ma in Borgogna conta spesso di più il vigneto dell’interpretazione, e lo Schweizer 2001. Aperti entrambi, versati contemporaneamente in due bicchieri diversi, e comparati, è finita che, se nessuno è riuscito a rompere le ossa all’altro, si può concludere che ai punti ha vinto l’italiano. Anche perché è finito prima!

Informazioni aggiuntive

COD:WIN-24564
Peso1.5 kg
comune

, , ,

formato

tappo

vinificazione

In vasche aperte d'acciaio con frequenti follature e rimontaggi

affinamento

12/15 mesi in barriques e 12 mesi in bottiglia

Premi e riconoscimenti