Valpolicella Classico Superiore Ripasso 2014 Montecariano

Montecariano
0,75 Litri

24,00

Disponibile

agricoltura

nazione

regione

annata

denominazione

gradazione

vitigni

, , , ,

Descrizione

Valpolicella Classico Superiore Ripasso 2014 Montecariano

Corvina e Corvinone 65%, Rondinella 25%, Molinara, Croatina e Oseleta 10%.

Rosso rubino inenso

Al naso distribuisce una gran quantità di profumi, dai frutti maturi di ciliegia, amarena e mora, a quelli dei fiori con la violetta appassita. Seguono note di tabacco, di funghi secchi, caffè e liquirizia. Anche le erbe aromatiche non mancano ed aiutano a mantenere comunque fresco un rigoglioso e complesso profilo olfattivo

Al palato è cremoso e rotondo, con notevole freschezza e mineralità. L’equilibrio e l’armonia sono largamente raggiunti, per vino insieme rotondo ed elegante. Dal palato risalgono ai recettori nasali, aromi di mirtillo, spezie e menta.

Valpolicella Classico Superiore Ripasso che si distingue per l’insieme di di classe e potenza. Eccellente e decisamente piacevole a bersi.

Valpolicella Classico Superiore Ripasso 2014 Montecariano

Le vigne sono tutte collocate a San Pietro in Cariano, in una delle zone migliori di tutta la denominazione della Valpolicella.

La vendemmia è svolta manualmente e la conseguente fermentazione avviene in vasche di acciaio termoregolato, tra i 18 e i 22 ° C, per circa 20 giorni. Si effettuano periodici rimontaggi e delestage.

A fine gennaio avviene la seconda fermentazione: il vino rifermenta seguendo un’antica tecnica di lavorazione, a contatto con le vinacce del Recioto. Facendo follature continue del cappello e ossigenazioni, mediante rimontaggi e delastage si ottiene un vino più rotondo e complesso. La temperatura rimane controllata tra 22°-25° C per 20 giorni.

Affina in botti di rovere di Slavonia per 24 mesi e dopo l’imbottigliamento altri sei mesi.

L’azienda Montecariano

Da anni pratica la tecnica della “produzione integrata”. Questo metodo mira ad avere un grappolo di alta qualità, ed insieme la salvaguardia e il miglioramento dell’ambiente agrario dove le vigne sono incastonate. L’agricoltura integrata, parte dalla migliore scelta delle tecniche di impianto, nel caso di reimpianto di un vigneto, la fertilizzazione, la potatura, la gestione del sotto chioma, la difesa antiparassitaria, la raccolta. Perché va sempre ricordato che il frutto cresce sano, se la pianta vive in un ambiente sano. quindi ricco di varietà di flora e di fauna.

I fertilizzanti usati sono di origine organica e minerale a base di potassio e magnesio, mentre si lascia il terreno libero di far crescere erbe spontanee, che vengono regolarmente lavorate meccanicamente, nella parte superficiale.

Durante la primavera e l’estate si provvede alla spollonatura e scacchiatura in maniera manuale, e al diradamento dei tralci vicini al grappolo, con lo scopo di far scorrere l’aria tra i grappoli, per evitare di creare l’ambiente ideale per i funghi della pianta.

In caso di necessità si utilizza l’irrigazione a goccia.

Per difendersi da peronospora e oidio, si utilizzano prodotti bio tecnologici, quindi principalmente di rame e zolfo, limitando i prodotti di sintesi al periodo floreale.

Informazioni aggiuntive

COD:WIN-32271
Peso1.5 kg
tappo

formato

Premi e riconoscimenti

Wine il vino2014 91 / 100