Toscana Rosso Terrine 2012 Castello della Paneretta

25,00

Disponibile

agricoltura

nazione

regione

annata

denominazione

gradazione

vitigni

,

Descrizione

Toscana Rosso Terrine 2012 Castello della Paneretta

Sangiovese 50% e Canaiolo 50%.

Colore rosso granata

Al naso è di valore e classe. Profondo e sfaccettato evidenzia profumi di frutti rossi in confettura, la ciliegia e l’amarena sotto spirito. Note di tabacco, di cacao pepe nero e spezie dolci rendono più affascinante il tutto. Danzano leggeri e si susseguono senza sosta, in accordo e armonia.

Al palato è molto ben disegnato, con fitta trama di tannini, per quanto gentili e non pungenti. Da notare anche la freschezza, pimpante e fondamentale per la bevibilità del vino. Raggiunge agilmente l’equilibrio e l’armonia. Profondo e persistente si allunga in un finale ricco di aromi di fiori, fragola e cuoio

Nel complesso la Toscana può vantare unSupertuscan che riesce ad essere insieme potente ed elegante.

Ottimo il rapporto qualità prezzo.

Toscana Rosso Terrine 2012 Castello della Paneretta

Il tipo di allevamento si divide tra cordone speronato e spalliera con potatura guyot.

Dopo la vendemmia, effettua la fermentazione alcolica in contenitori di acciaio inox a temperatura controllata di 27/28°C per 10 giorni.

Affina in barrique di rovere francese, per metà nuove e per metà di primo passaggio per 24 mesi.

Il Castello della Paneretta ha origini antichissime, che risalgono fino alla battaglia di Montaperti nel 1260. Con una superficie di oltre trecento ettari complessivi, di cui 22 di vigneto, è una delle aziende agricole dalle maggiori dimensioni della zona.

In base al tipo di suolo possiamo dividere il corpo dei vigneti in tre diverse aree.

I vigneti Terrine, Torre a Destra, Torre a Sinistra hanno argilla con grande quantità di galestri chiari e formazioni calcaree. Gli strati sono disposti nella direzione della collina e gli affioramenti rocciosi sono deboli. I terreni sono di colore ocra chiaro, poco erosi ed hanno uno straordinario equilibrio fisico. Da questi suoli si estraggono vini corposi e ben strutturati.

I vigneti Ciliegio, Bossolo, Barbiano hanno strati di argilliti scistose rosso violacee alternate a banchi di deposito di terreni più argillosi e limosi. I vini di questi terreni si producono vini più magri, ma dotati di maggiore finezza.

Infine dai vigneti Querciole e Poggio Sono suoli semi pianeggianti e posti in cima ai poggi. Qui possiamo osservare il processo di antica formazione risalente a epoche climatiche di tutt’altra natura, dove le aggressioni del ferro e dell’alluminio sui banchi calcarei, ha dato origine a suoli più profondi e forti. La giacitura di questi terreni unita alla loro esposizione lì protetti dal dilavamento e resi più generosi.

Informazioni aggiuntive

COD: WIN-63644
Peso 1.5 kg
tappo

formato

Premi e riconoscimenti

Wine il vino 2012 93 / 100